• Occupazione Suolo Pubblico

    • Cosa è.

      E’ la concessione che un Ente come il Comune, la Provincia o lo Stato, rilascia al privato per l’occupazione temporanea o permanente di un’area proprietà pubblica, infatti, la legge consente che il privato possa utilizzare per una serie di scopi specifici, una parte del terreno pubblico sottraendolo alla disponibilità pubblica, naturalmente tutto previo il pagamento di una tassa d’occupazione.


      Come fare.

      Il Privato che voglia richiedere la concessione per l’occupazione temporanea o permanente di spazi o aree di proprietà del Comune deve inoltrare l’apposita domanda in bollo indirizzata all’ufficio tributi, esaminata la richiesta lo stesso ufficio provvederà a comunicare al cittadino l’importo da pagare e le modalità per effettuare il pagamento, l’importo sarà calcolato sulla base del regolamento Comunale per l’occupazione di suolo pubblico proporzionalmente alla quantità di spazio occupata (metri quadrati), nonché valutando la tipologia di occupazione richiesta.

      N.B. (Il canone di occupazione del suolo pubblico ha differenti determinazioni a seconda che si tratti di occupazioni permanenti o temporanee, a seconda del luogo occupato e a seconda del motivo della stessa).


      Costi.

      Marca da bollo.
      Tassa per l’occupazione, calcolata sulla sulla base delle tariffe del regolamento Comunale in materia di occupazione di suolo pubblico valutando la quantità di spazio richiesto (metri quadrati) e la tipologia dell’occupazione.

      N.B. (nel caso che la concessione sia di tipo permanente cioè, la richiesta dello spazio pubblico supera l’anno, il privato sarà tenuto a effettuare dei pagamenti annuali per il rinnovo della stessa).

      Modulistica disponibile


Sei il visitatore N.: 753988
Powered by ICT Global Service srl